Festa della Repubblica

Scopri quando cade la Festa della Repubblica in Italia, negli anni 2016, 2017 and 2018





Italia 2016 2017 2018
Festa della Repubblica Giovedì 2 giugno Venerdì 2 giugno Sabato 2 giugno


Festa della Repubblica

La Festa della Repubblica Italiana è una festività italiana di natura civile, nata per festeggiare la nascita della Repubblica. In quanto festa nazionale, essa è un giorno di riposo retribuito, ovvero i lavoratori percepiscono regolarmente il loro salario o paga, pur non lavorando. Viene spesso confusa con la festa della Liberazione, che cade il 25 aprile, ma in realtà le due ricorrenze sono molto differenti.

Le origini della Festa della Repubblica

In seguito alla caduta di Mussolini e del fascismo, conseguenti alla liberazione del nostro paese da parte delle forze partigiane e alleate il 25 aprile 1945, i cittadini italiani furono chiamati al voto, per esprimere la loro preferenza su quale forma di governo avrebbe avuto il Paese. E' bene ricordare che, nonostante la dittatura Mussoliniana, l'Italia era ancora un regno, e più precisamente il Regno d'Italia. Di esso, erano sovrani i Savoia, proclamati famiglia reggente nel 1861 con Vittorio Emanuele II, primo Re d'Italia. Per 85 anni (di cui 20 di dittatura fascista), l'Italia era stata dunque una monarchia, ma gli eventi sanguinosi della Seconda Guerra Mondiale avevano cambiato gli scenari geopolitici del Mondo intero, e quindi era necessario donare un nuovo ordinamento istituzionale al paese.

Per questi motivi, il 2 e il 3 di giugno dell'anno 1946, fu indetto un referendum a suffragio universale tramite cui tutti i cittadini con diritto di voto si espressero a favore della Repubblica. Nasceva così la Repubblica italiana, mentre la famiglia Savoia veniva mandata in esilio.

La Festa della Repubblica in tempi più recenti

Da allora, molte cose sono cambiate e anche se la festa della Repubblica riveste un ruolo molto importante da un punto di vista civile, in quanto commemora una svolta epocale per il nostro Paese, essa non è stata sempre festeggiata con gli onori che le sono dovuti.

Ad esempio, durante gli anni '70, la festa della Repubblica venne soppressa a causa delle ristrettezze economiche in cui versava il nostro paese. O per meglio dire, venne spostata alla prima domenica di giugno, e quindi assorbita in un giorno di per sé sempre festivo (la domenica).

Solo nel 2001, durante il secondo governo Amato, la Festa della Repubblica venne riportata alla sua data originaria.

Oggi, la Festa della Repubblica continua ad essere un'importante ricorrenza civile e militare e ogni anno viene celebrata una storica parata a Roma che coinvolge tutte le più alte sfere politiche del nostro paese. Il tema della parata militare cambia ogni anno. Fra le più recenti, ricordiamo le parate del 2011, dedicata al "150º anniversario dell’Unità d’Italia", e quella del 2012, dedicata alle famiglie rimaste senza casa a seguito del terremoto che ha colpito l'Emilia nel maggio 2012.

Come si festeggia la Festa della Repubblica

Come già detto, la festa della Repubblica Italiana è una ricorrenza civile, quindi si tratta di una giornata dedicata a cerimonie ufficiali più o meno importanti. La parata militare storica avviene in via dei Fori Imperiali, a Roma, sin dal 1948. Sebbene da qualche anno i mezzi corazzati e alcuni altri corpi militari non sfilino più per rendera la parata meno costosa, essa conserva ancora un grande fascino, grazie ad iniziative speciali come il cambio solenne della Guardia d'Onore, che coinvolge i carabinieri a cavallo.

Ma il momento più spettacolare dell'intera manifestazione è senza dubbio l'esibizione acrobatica delle Frecce Tricolori, sui cieli della capitale. Le loro scie di colore rosso, bianco e verde sono un simbolo storico della festa della Repubblica e sebbene in alcune occasioni le Frecce Tricolori non abbiamo preso parte all'evento, è proprio l'esibizione della pattuglia acrobatica nazionale a richiamare turisti e spettatori da ogni dove.

I festeggiamenti proseguono anche nel pomeriggio, con l'apertura al pubblico dei giardini del Quirinale, dove si tengono concerti indetti dalle bande dei corpi militari del nostro paese. Il protagonista indiscusso, in questo caso, è l'inno di Mameli, o inno italiano.